HOME PAGE - ARCHITETTURA & RESTAURO - BUILDING AUTOMATION - DESIGN - CAD: IMMAGINI SINTETICHE - LEISURE - RICERCA TERRITORIALE - CULTURA - NOVITÀ - CASTELLO - pensatoio@pensatoio.it - pensatoi@tin.it

LUCI DELLA CITTÀ CONTEMPORANEA

... L'illuminazione fissa delle città moderne ha ormai una sua storia e sue tecniche in ogni parte del mondo, con suoi saperi e sue sempre più sofisticate tecnologie, che vanno ben oltre alle semplici esigenze di rompere l'oscurità, permettere ai cittadini di riconoscere le vie, dar loro sicurezza.
Alcuni casi di quella che diventa sempre più una forma di espressione autonoma -autonoma anche dagli oggetti illuminati- sono ormai notissimi, molto suggestivi, su questo gioca anche largamente la promozione turistica.
C'è la spettacolarità dell'illuminazione notturna delle Manhattan del mondo: anche Shanghai, Pechino, per dire luoghi dove forse non ci si immaginerebbe di primo acchito investimenti così impegnativi in una politica di immagine delle città. Meno inattesi magari a HongKong, dove tutto è spettacolare, dalla Borsa al paesaggio notturno in cui i giochi luminosi dei grattacieli si esaltano fantasticamente nelle brumosità del clima. Con tutt'altro carattere Las Vegas, da cui ormai da trent'anni Robert Venturi contina ad esortarci ad imparare: in cui lo sfarfallio auto-promozionale oltre che pubblicitario di luci puntiformi d'ogni tipo è la risposta fisiologica alla nittalope frenetica attività dei giochi d'azzardo che è il suo modo di produzione.
In una posizione terza si collocano città in cui l'illuminazione sta passando da effetto spettacolare a studio meditato e complesso, in cui vanno di pari passo tecnologia ed invenzione, colore e monocromia, in abbinamenti misurati. Perchè il soggetto non è più soltanto il tessuto urbano moderno, il richiamo luminoso, ma la dosata sottolineatura di edifici o insiemi urbani di storia più o meno antica. Sono sperimentazioni con un altro passo e un altro tempo,una progressione di sperimentazioni e di nuove tecnologie: dove fra le diverse esperienze internazionali originali, specie U.S.A. (Cliveland, S. Francisco, Seattle, ecc.), emerge tuttavia il caso di Lione. Qui la presenza di un centro tecnico sperimentale primario, in combinazione con una politica urbana tradizionalmente attiva e anticipatrice, con i suoi 150 tra siti ed edifici specificamente trattati, pongono la città come luogo di eccellenza qualitativa in questo ambito.
Si tratta comunque, in tutti i casi descritti, di impianti fissi e di programmi di lungo periodo, appoggiati spesso a centri di ricerca tecnica, artistica o urbana: dall'O.L.A.C. di Bressoles al P.A.C.A. di Birmingham ad altri ancora. Da quello recentemente costituito in Italia, il centro LUCE PER L'ARTE di Varese ci si aspetta non minori risultati...

INDICE 1.Sergio Jaretti: APPUNTI SUL PROGETTO 2.CITTA' E PARCHI NELL'EUROPA DEL '600 3. LUCI DI TORINO DAL '600 AL '900 4.LUCI DELLA CITTÀ CONTEMPORANEA 5.ARTE CON LUCE 6.1998: " LUCI D'ARTISTA " A TORINO 7.I Quaderni del Pensatoio


Il Pensatoio s.a.s. (The Thinktank) - Via Borgofranco 25/13, 10132, Torino, Italia
Tel: 39-011-8994240 Fax: 39-011-8992814
E-mail: pensatoio@pensatoio.it. ------------------------------- E-mail: pensatoi@tin.it